Acquista

CATEGORIE:
NEWSLETTER
Il modo più semplice per ricevere i nostri contenuti e le nostre offerte 
 
      ISCRIVITI
Rivista GIDN
Giornale Italiano dei disturbi del Neurosviluppo
"CODICE ETICO"



 
Facebook
 
Link Amici



 

RACCONTARSI DI FRONTE ALLA DISABILITÀ
Ruoli, interazioni e identità dell’educatore




€ 10,00

Q.ta:     





Autore: Bruno Navoni
Editore: Vannini Editoria Scientifica
Pagine: 112

code: 9788874361526

Capitolo 1 - Mutazione di un insegnante di lettere – Capitolo 2 - I colleghi e un Centro diurno per l’handicap – Capitolo 3 - La supervisione – Capitolo 4 - Ci fu il caso dell’obiettore di coscienza – Capitolo 5 - Il tema dei colloqui individuali con la coordinatrice – Capitolo 6 - Il caso di Rachele e della sua famiglia – Capitolo 7 - Della questione del contenimento degli utenti e del buon senso – Capitolo 8 - Della questione dell’accanimento educativo – Capitolo 9 - Della questione dell’operatore come esempio per gli utenti – Capitolo 10 - Due, facciamo tre, parole sull’équipe – Capitolo 11 - L’équipe come tribunale, ovvero l’équipe giudicante – Capitolo 12 - Delle contraddizioni del lavoro sociale – Capitolo 13 - L’équipe come uso di risorse, ovvero l’équipe interattiva – Capitolo 14 - Venne anche il mio turno di assumere la funzione di coordinare – Capitolo 15 - E gli utenti? E le famiglie? E i vicini? – Capitolo 16 - Osservazioni conclusive


Questo non è un saggio, ma un racconto. Lo si potrebbe considerare un breve manualetto, in forma dialogica, su alcuni dei principali temi che un operatore sociale incontra lavorando nell’ambito della disabilità. Si parla di organizzazione delle strutture, di protocolli di intervento, di casi, di rapporti di rete, di famiglie, di lavoro d’équipe e di altro. Lo si fa discorrendo e come è costume in tutti i racconti esiste un filo che collega eventi, dialoghi, protagonisti. Insomma, una chiave di lettura. Vi accorgerete come la domanda che sta alla base di queste riflessioni, e che spesso vi invita a ripensare i temi trattati, è la seguente: tecnicismo o buon senso? Ovviamente non deve essere presa alla lettera. Sentitela più come una provocazione, perché è questo, in fondo, lo scopo di quanto troverete in queste pagine: spingervi a riflettere bene prima di attivare una procedura o dare una priorità, chiedersi se quello che stiamo facendo ha senso e soprattutto per chi?






Disabilità Intellettive