Acquista

NEWSLETTER
Il modo più semplice per ricevere i nostri contenuti e le nostre offerte 
 
      ISCRIVITI
Rivista GIDN
Giornale Italiano dei disturbi del Neurosviluppo
"CODICE ETICO"



 
Facebook
 
Link Amici



 

Categorie

La qualità della vita per le persone con disabilità

La qualità della vita è il grado di benessere dell'individuo. I concetti fondamentali della stima di sé e della fiducia in sé nella disabilità.


Le persone che presentano una disabilità intellettiva hanno gli stessi diritti degli individui a sviluppo tipico: tra questi il diritto di vivere partecipando alla vita comunitaria, di sviluppare il maggior grado di autonomia personale e di godere del rispetto altrui. I diritti costituiscono uno dei domini del costrutto della “Qualità della Vita”.  Questo concetto può essere osservato e studiato secondo indicatori oggettivi e soggettivi.
Un fattore soggettivo rilevante, è “la percezione del sé”, inteso come la capacità di percepire le proprie capacità e attitudini ma anche la capacità di valutare come si è percepiti, sia fisicamente che psicologicamente all’interno di un ambito sociale. Il contesto emozionale e come la persona si sente valorizzata da chi lo circonda giocano un ruolo essenziale nella costruzione l’immagine e la stima di sé. La fiducia in sé invece è la percezione delle proprie possibilità e capacità di riuscita. La fiducia in sé è l'attesa di relazioni fruttuose, il superamento di ostacoli e, in generale, il controllo di sé e dell'ambiente. Questa gioca un ruolo decisivo per la capacità di stabilire relazioni e di sviluppare competenze sociali, la base per una buona qualità della vita.
Un altro dominio della qualità della vita è costituito dal benessere emozionale. Le persone disabili hanno spesso bisogno di significativi sostegni nei diversi ambiti della loro vita, inclusi quelli dove si collocano le opportunità di interazione che creano i vissuti affettivi, incluso il contesto della famiglia.






08/07/2014 07:00:00